CERTIFICATES

DiGiuliano Casale

CERTIFICATES

Investire controllando i rischi … o amplificandoli

Un Certificates è uno strumento finanziario “derivato”(ossia del titolo il cui prezzo è basato sul valore di mercato di un altro strumento finanziario, detto sottostante )  “cartolarizzato” (processo per cui una società cede attività o passività, beni e-o debiti di privati o di crediti attraverso l’emissione di titoli obbligazionari in cui questi vengono trasformati, per poi collocarli presso il pubblico) emesso da un intermediario finanziario ( con lo scopo di aumentare la loro capacità di produrre reddito) che consente di investire su un’attività finanziaria sottostante, quale ad esempio un’azione, un indice azionario, una valuta, una materia prima o un tasso di interesse.

L’obbligo dei pagamenti dei flussi dovuti al detentore del Certificate è a carico dell’istituzione finanziaria emittente, che dettaglia le caratteristiche specifiche di ogni singolo strumento finanziario negli appositi prospetti informativi predisposti in fase di emissione.

Grazie alla molteplicità di pay-off (valori associati ai possibili esiti di un’azione o di un evento)offerti dalle diverse tipologie di Certificate, l’obiettivo di questi strumenti finanziari è quello di rispondere ai differenti profili di rischio/ rendimento degli investitori.

Orizzonte temporale

A seconda delle caratteristiche, i Certificate consentono di investire su diversi orizzonti temporali e su diverse view di mercato: è possibile trovare Certificate adatti a prospettive di rialzo, lateralità o ribasso dei valori dell’ampia gamma di attività finanziarie sottostanti su cui sono emessi.

Permettono pertanto all’investitore di realizzare soluzioni finanziarie in linea con le proprie esigenze di impiego e adeguate al suo profilo di rischio-rendimento.

Strategia di investimento

A seconda delle caratteristiche del tipo di strumento, i  Certificate permettono così di sviluppare strategie volte a trarre giovamento dai rialzi, anche moderati, dell’attività finanziaria sottostante; dai ribassi, anche moderati, del sottostante; da fasi di mercato caratterizzate da una sostanziale lateralità.

Tramite i Certificate, gli investitori possono sviluppare strategie volte ad ottimizzare il rischio complessivo del portafoglio tramite la diversificazione geografica e settoriale offerta dall’ampia gamma di  attività finanziarie sottostanti.

Forma contrattuale

Assumono diverse forme contrattuali. I più vecchi e più semplici da capire sono gli investment-certificates che sono simili agli ETF, dai quali tuttavia si distinguono per due ragioni fondamentali:

1) non pagano dividendi e quotano quindi a “sconto”, ovvero il loro prezzo è inferiore a quello del sottostante che replicano per permettere all’investitore di recuperare il reddito derivante dal mancato dividendo

2) permettono di recuperare le minusvalenze.

Barriera

La cosiddetta “barriera” è il livello di prezzo del sottostante che, se raggiunto, fa cadere la garanzia del rimborso integrale del valore nominale del certificato stesso.

La barriera può essere:

    1. continua: è sufficiente che il valore del sottostante scenda sotto al livello della barriera una sola volta durante la vita del certificate per far sì che lo stesso non rimborsi più il capitale nominale ma il controvalore alla scadenza del sottostante stesso.
  1. a scadenza: in questo caso solo se alla data di scadenza il sottostante si trova ad un valore inferiore rispetto alla barriera verrà pagato il controvalore del sottostante invece che il valore nominale del certificato.

Classificazione

A seconda della propensione al rischio che caratterizza l’investitore, i Certificate permettono inoltre di avere diversi tipi di protezione del capitale:

    1. quelli che non ne garantiscono la protezione,
    1. quelli che ne garantiscono una protezione parziale o condizionata al rispetto di determinati parametri stabiliti in fase di emissione del Certificate,
  1. quelli, generalmente rivolti ad investitori con una bassa propensione al rischio, che ne garantiscono la totale protezione del capitale.

A seconda delle caratteristiche specifiche e della protezione del capitale offerta all’investitore, Acepi, ( Associazione italiana certificati e prodotti di investimento ), suddivide i Certificate in 4 categorie:

leva; a capitale protetto; capitale condizionatamente protetto; a capitale non protetto.

Rischi finanziari

Essendo strumenti emessi da un intermediario finanziario , i Certificate espongono l’investitore al rischio emittente, ovvero il rischio legato alla capacità dell’emittente di adempiere alle proprie obbligazioni.Il  rischio di liquidità

consiste nella mancanza della quotazione in borsa.

Molti di loro vengono scambiati su piattaforme predisposte dagli stessi emittenti, con costi notevoli in termini di differenziale tra prezzo di acquisto e prezzo di vendita e con problemi di liquidità qualora fosse necessario disinvestire in tempi rapidi da questi prodotti.

Certificates a capitale protetto

I certificati a capitale protetto sono strumenti finanziari che offrono la possibilità di investire in attività sottostanti garantendo la tutela di tutto o parte del capitale investito, se sottoscritti durante la fase di collocamento e detenuti fino alla scadenza.

Equity Protection

In versione Long o Short, la prima consente di partecipare ai rialzi dell’attività finanziaria sottostante mentre la seconda ai ribassi, proteggono a scadenza il prezzo di emissione o una percentuale di esso.

Digital

Consente di ottenere una remunerazione periodica se alle date di rilevazione il sottostante quota a un livello pari o superiore a quello di rilevazione iniziale, proteggendo a scadenza il capitale o parte di esso

Certificates a capitale condizionatamente protetto

I certificati a capitale condizionatamente protetto sono strumenti finanziari che consentono di partecipare ai movimenti di attività finanziarie sottostanti, offrendo una garanzia parziale del capitale, condizionata al non raggiungimento di determinati livelli barriera stabiliti all’emissione.

Bonus

Questa tipologia di Certificate consente di partecipare al rialzo (o ribasso) dell’attività sottostante, garantendo inoltre una rendita aggiuntiva al verificarsi di determinate condizioni purché l’attività sottostante non raggiunga il livello Barriera.

Express

Gli Express-Certificates hanno la peculiarità di poter scadere anticipatamente restituendo il prezzo di emissione maggiorato di un premio se in una delle date prestabilite il sottostante è superiore o uguale ad un prefissato livello

Twin Win / One Win

Consente di partecipare al rialzo e al ribasso del sottostante a scadenza, ferma restando la presenza di un livello barriera oltrepassata la quale viene meno la protezione del capitale

Credit Linked

Prodotto che offre la possibilità di ottenere dei premi periodici condizionati allo stato di “non default” di una o più reference entity.

Digital

Consente di ottenere una remunerazione periodica se alle date di rilevazione il sottostante quota a un livello pari o superiore a quello di rilevazione iniziale. La protezione del capitale è condizionata al mancato raggiungimento del livello barriera.

Accelerator

Consente di partecipare al rialzo o al ribasso su un’attività finanziaria sottostante; la peculiarità è rappresentata dalla replica più che proporzionale dell’andamento del sottostante, oltre che la presenza di un fattore AirBag che attenua le perdite in caso di ribasso.

Premium Certificate

I Premium Certificate hanno la peculiarità di corrispondere dei Premi Fissi certi durante la vita del Certificate, indipendentemente dall’andamento del sottostante e un premio a scadenza condizionato all’andamento del sottostante. E’ previsto un Livello Barriera a scadenza, oltrepassato il quale viene meno la protezione del capitale.

Cash Collect

La peculiarità dei Cash Collect è quella di corrispondere dei premi incondizionati (ovvero indipendentemente dall’andamento dell’attività sottostante) oltre a premi aggiuntivi legati all’andamento dell’attività finanziaria sottostante. E’ previsto un Livello Barriera a scadenza, oltrepassato il quale viene meno la protezione del capitale.

Certificates a capitale non protetto

I certificati a capitale non protetto sono prodotti che replicano l’andamento dei valori delle attività sottostanti. Alcuni prodotti prevedono la partecipazione ai movimenti del sottostante in modo più o meno proporzionale.

Certificates con effetto leva

Detti anche Leverage Certificates, sono quelli che offrono un’esposizione più che proporzionale alle variazioni di prezzo del sottostante e fanno sì che si possa beneficiare di rialzi oppure di ribassi di questo (il cui valore amplifica di x volte la performance del sottostante, un certificato con leva 10, ad esempio, avrà una oscillazione prezzo di dieci volte più grande rispetto a quella del sottostante medesimo).

Questi tipi di Certificates si dividono in bull e bear: i primi consentono all’investitore di assumere una posizione rialzista rispetto al sottostante, i secondi una posizione ribassista.

Entrambi sono caratterizzati da un livello di stop loss (nel primo caso posto al di sopra o allo stesso livello dello strike price, nel secondo posto al di sotto o allo stesso livello di esso) al raggiungimento del quale lo strumento finanziario si estingue in anticipo. Questi tipi di Certificates hanno una logica di breve periodo e comprendono Minifutures e Turbo.

Certificates a Benchmark

Replicano, al rialzo o al ribasso, l’andamento dell’attività finanziaria sottostante senza effetto leva.

Mercati regolamentati

possono essere negoziati sul SeDex di Borsa Italiana, ma anche su altri mercati regolamentati (come EUROTLX).

Il presente documento non costituisce né un’offerta di sottoscrizione né una consulenza in materia di investimenti. Il presente documento non può essere riprodotto, divulgato,
comunicato, in tutto o in parte, senza la precedente autorizzazione

Info sull'autore

Giuliano Casale administrator

Fammi una domanda, lascia un commento !

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.